05.03.2015 | memory store @Urban Center

??????????

Last thursday at Urban Center we participate in the debate “200 milioni per le periferie?”, part of series of meetings called Periferia InConTra, event sponsored by Consulta delle Periferie Milanesi.

During the meeting we discussed the new plan for the regeneration and redevelopment of the suburbs and urban areas with which the Italian Government has earmarked an investment of 200 million euro and figures that by September 30, 2015 the Municipalities present projects to be started soon on regeneration of peripheral areas, improvement of urban spaces, reuse and regeneration of the buildings.

During the debate, Mario Abruzzese and one of the students, Marco Paris, shared with those present the results of the intense experience of Memory Store, which we have been working on over the past six months exploring places, collecting memories, rethinking the spaces in and around the Magazzini Raccordati.

The speakers were:

Franco Raggi, Vice President Ordine degli Architetti di Milano
Ida Castelnuovo, Polisocial / Politecnico di Milano
Francesca Cognetti, Coordinator of Mapping San Siro / Politecnico di Milano
Piero Colaprico, Journalist of La Repubblica
Paolo Limonta, Office for relations with the City by Comune di MilanoWalter Cherubini, Consulta Periferie Milano

The meeting was a useful opportunity for discussion and exchange on possible actions in the city from a “peripheral horizon”.

Read more on www.periferiemilano.com


Lo scorso giovedì sera eravamo presenti all’Urban Center per partecipare al dibattito “200 milioni per le periferie?” nell’ambito del ciclo di incontri “Periferia InConTra”, appuntamento promosso dalla Consulta delle Periferie Milanesi.

Durante l’incontro si è parlato del nuovo piano per la rigenerazione e riqualificazione delle periferie e delle aree urbane degradate con il quale il Governo Italiano ha stanziato un investimento di 200 milioni di euro e prevede che entro il 30 settembre 2015 i Comuni interessati presentino progetti “tempestivamente cantierabili” di riqualificazione delle aree periferiche, miglioramento del decoro urbano, riuso e rigenerazione dell’edificato.

Durante il dibattito Mario Abruzzese e uno degli studenti del corso, Marco Paris, hanno condiviso con i presenti i risultati dell’intensa esperienza di Memory Store, che negli scorsi sei mesi ci ha fatto esplorare luoghi, raccogliere memorie, ripensare gli spazi dentro e intorno ai Magazzini Raccordati.

Sono intervenuti:

Franco Raggi, Vice presidente Ordine Architetti di Milano
Ida Castelnuovo, Polisocial/Politecnico di Milano
Francesca Cognetti, Coordinatrice Mapping San Siro/Politecnico di Milano
Piero Colaprico, Giornalista La Repubblica
Paolo Limonta, Ufficio Relazioni con la Città del Comune di Milano
Walter Cherubini, Consulta Periferie Milano

L’incontro è stato un utile momento di confronto e di scambio su possibili azioni in città a partire da un “orizzonte periferico”.

Maggiori info su www.periferiemilano.com

Posted in MEMORYstore | Tagged , , , | Leave a comment

The Final Cut

DSC_2066 copy

The Final Cut, the conclusion of the this year labowork’s interior design studio has been very successful and fun: the green area between Viale Brianza and via Ferrante Aporti was populated by people, friends and guests that came to see the #memorystore projects  for the magazzini raccordati (connected warehouses).

The Final Cut, la festa conclusiva del laboratorio di quest’anno è stata un vero successo: l’area pedonale tra viale Brianza e via Ferrante Aporti si è popolata di passanti, amici e ospiti venuti a vedere i progetti dei #memoristore per i magazzini raccordati.

The students have set up an open-air exhibition presenting ideas and projects for the re-use of the forsaken warehouses and the rail tunnels at street level. An indoor park that use as connective system for all other activities inside  #magazziniricordati: spaces for sport, sharing’ kitchens for the neighborhood, spaces for social interaction, work or reading, hydroponic cultivations and food shooping places.

Gli studenti hanno allestito l’area e per un giorno hanno raccontato quello che i magazzini ei tunnel ferroviari a livello strada, in passato utilizzati per lo stoccaggio e il trasporto delle merci, potrebbero diventare. Un parco coperto che fa da tessuto connettivo per tutte le altre attività presenti all’interno dei #magazziniricordati:  spazi per lo sport, cucine di quartiere, spazi per la convivialità,per il lavoro e la lettura, spazi per la  coltivazione idroponica eper la vendita di prodotti alimentari provenienti da tutto il mondo.

A great opportunity for discussion and collaboration that has seen working together teachers, students, associations, the local institutions and residents in the belief that the work done can be a model for many other future experiences.

Una grande occasione di confronto e collaborazione che ha visto lavorare fianco a fianco studenti, docenti, associazioni, il consiglio di zona, le istituzioni culturali e gli abitanti del quartiere nella convinzione che il lavoro prodotto possa essere preso a modello per molte altee future esperienze.

Here the gallery of the event

Qui la gallery con le immagini dell’evento

Here instead theAnd here below the collection of video and book done by aech of the 16 working groups

Di seguito invece la raccolta dei video e dei book di progetto dei 16 gruppi di lavoro

BAKLù by Chiara Namias, Irene Nembrini and Marco Paris

CINE20124 by Elisabetta Milani, Francesca Polizzi and Carla Procida

Continue reading

Posted in diary | Leave a comment

The Final Cut_Gallery

This gallery contains 75 photos.

Gallery | Tagged , , , | Leave a comment

11.02.2015 | the final cut

1545100_906383536059245_9057965003372938059_n

Wednesday, February 11, 2015, starting at 13:00, the students of Laboratorio di Metaprogetto MEMORYStore, of Scuola del Design del Politecnico di Milano, will present their projects in an event that will take place in Viale Brianza Tunnel in Milan (access from via Ferrante Aporti).

16 real scale installations will tell of an intense experience lasted six months during those students have explored, documented, rethought the abandoned spaces of Milano Centrale railway station, trying to rediscover the history of places and people. Starting from the memory, the young designers tried to imagine the future of these places.

Through a close cooperation with the city institutions, local shopkeepers and residents associations, students suggested to set-up new activities within the spaces, proposing business models or alternative uses of the tunnels and warehouses which have been redesigned according to the new functions.

The railway tunnels at street level, in the past used to transport goods, are converted into a covered park which serves as a connective space for all other activities inside #magazziniricordati: areas for sports activities, open kitchens for all the neighborhood, places for entertainment, spaces for working or reading, hydroponic cultivation, markets which sell food from around the world.

The #magazziniricordati become again a place of intense city life, exchanges and sharing.

Don’t miss “MEMORYstore, the final cut”, it’s not only the presentation of the results of the students’ works but a real opportunity to raise awareness and involve those who don’t know the area and the problems related to the lack of use of an asset so valuable to our city!

Posted in MEMORYstore, works | Leave a comment

calendar

150128

h 9.30 _ consegna in aula di:

1) presentazione progetto completa, riveduta e corretta (solo in formato digitale pdf)
2) video durata 2 min formato .avi
> contenuti intro da scaricare su beep (durata e gestione dei contenuti sono a discrezione del gruppo purchè siano tutti presenti – potete usare i testi in italiano o in inglese o entrambi)
> la musica deve essere free copyright (es jamendo.com o altri siti free royalty music)
> alla fine del video devono comparire i componenti del gruppo
> nei titoli di coda devono esser riportati i riferimenti della musica e di tutte quelle cose che non sono state prodotte da voi oltre ai ringraziamenti di chi vi ha aiutato, del lab movie e del corso (come indicato nel file su beep)

h 10.30 _ presentazione video in aula

h 15.00 _ valutazione video+eventuali commenti e correzioni

h 16.00 _ eventuali revisioni allestimento/oggetti

150211

mattina _ allestimento mostra (ogni gruppo dovrà documentare con foto e video la fase di montaggio e preparazione)

> sull’allestimento deve comparire il qr-code del video che vi verrà dato dopo il 28/01

> qualsiasi sito web/blog/pagina facebook o simili che volete mettere sul vostro oggetto deve esser realmente online

> su tutti gli oggetti oltre al logo del progetto, eventuali link a vostri siti web/etc dovrà esserci il riferimento a laboworks: “https://laboworks.org/

h 13.00 _ inizio evento (è aperto a tutti quindi invitate chi volete)
h 16.30 _ valutazioni finali e ringraziamenti @museo del manifesto cinematografico
Posted in diary | Leave a comment

14.01.2015 | calendar

150114

  • REVISIONI
    09.30 – 13.30
  • WORKIN’TIP_VIDEO – Gabriele Carbone
    14.15 – 17.15
    La lezione sarà su produzione video con camera e post produzione (montaggio e export filmati) pertanto è necessario procurarsi il software adobe premiere (dalla cs5 in poi, la versione prova va benissimo) e avere il materiale che avete prodotto durante il corso (video fase 01 compreso) per fare le prove di animazione e montaggio.
Posted in diary | Leave a comment

la città cambia dall’interno|the city changes from the interior

“[…] the only possible reform of the city has to be found in the in-between spaces, in the domestic economies, in the human relationships, inside our mind” 

Andrea Branzi. Biennale Architettura 2010

“[…] L’unica riforma possibile della città è da cercare all’intero degli spazi intersteziali, nelle economie domestiche , nelle relazioni umane, all’interno della nostra mente.” 
Andrea Branzi. Biennale Architettura 2010

It’s inhabiting the interior spaces that the whole area around #magazziniricordati will be re-activated trough small economies and new relationships.

A linear park along the connection system of the magazzini is the first step to the reactivation process and will be the connective tissue of all other projects. Light, vegetation and recreational activities are presented in a artificial landscape.

ParcoSuburbano

E’ proprio ripopolando gli spazi interni che l’area della città intorno ai Magazzini Raccordati verrà riattivata attraverso le nuove economie domestiche e le relazioni umane che nasceranno di conseguenza.
Un parco all’interno di tutte le connessioni dei Magazzini Raccordati è la fase 00 del processo di riattivazione dell’area di progetto e raccorderà insieme tutti i progetti. Luce, vegetazione e attività tipiche dei parchi urbani vengono riproposte in un’atmosfera al limite tra il naturale e l’artificiale.
Parco Suburbano by Filippo Muzzi, Nicola Montefusco and Nicolò Piredda

The them of nature as a service for the city has been investigated by two projects that use hydroponic farming to produce and sell vegetables.

Il tema della natura come servizio per la città è investigato attraverso due progetti che producono e vendono colture idroponiche all’interno dei magazzini.
OMGas_2Growinrails
(top) OMGas by Maddalena Mazzocchi, Alice Milone and Simona Porpora
(right) Grow IN Rails by Carolina Ongaro, Davide Pandini, Chiara Pellizzoni, Cecina Pinheiro

 

5 warehouses are dedicated to incubate and develop ideas; a functional and flexible space able to adapt to the creative process.

5 magazzini sono stati dedicati all’incubazione e sviluppo delle idee, uno spazio funzionale e flessibile che si trasforma in base alle necessità adattandosi alle fasi del processo creativo delle persone.BAKLù_2BAKLù_1BAKLù_3
BAKLù by Chiara Namias, Irene Nembrini and Marco Paris

A reading paradise with three different environments expressing different reading approaches.

Un luogo dedicato alla lettura in ogni suo aspetto; un magazzino diviso idealmente in 3 parti che garantiscono tre diversi approcci alla lettura.
BOOKERIA_2 BOOKERIA la BOOKERIA by Giulia Pozzi, Paola Palma and Ario Mezzolani

Passion for books and for new social processes is the kick off for another project that starts from sharing books with the ambition in creating a real neighborhood network in which everybody will share its private library.

La passione per la lettura e i nuovi processi sociali di condivisione sono alla base di un altro progetto di book sharing che parte proprio dalle persone che abitano il quartiere e ha l’ambizione di diffondersi nella città.
keystone keystone_2
KEYSTONE by Sofia Morawski, M. Chiara Pincetti and Giulia Poletto

MOKThe sharing attitude is also part of this project in which you can rent accessorized kitchens to cook with your friends.

Il tema della condivisione viene riproposto anche in ambito culinario, 2 magazzini organizzati in un sistema di cucine che possono esser affittate all’occorrenza, uno attrezzato ad accogliere esperimenti di cucina e uno dedicato al quartiere e alle attività legate al cibo come elemento cardine della convivialità.
MOK! by Luca Miodini, Alice Paganini, Ilaria Palmieri

flavour

LaTasteGallery

 

Other two projects on streetfood and ethnic food have the goal to introduce new services and attract more people in the area.

Altri due progetti legati al cibo, di strada e multietnico hanno l’obbiettivo di introdurre nuovi servizi al quartiere e attrarre nella zona un pubblico sempre più vasto.
(top) FLAVOUR by Gabriele Milanese, Chiara PIiva and Matilda Previti
(left) LA TASTE GALLERY by Francesca Patrini, Cecilia Picello, Laura Riva

A bar as storyteller for the homeless of the area to connect with them and get to know their stories.

Un bar per raccontare le storie dei senzatetto della zona e aiutarli a reinserirsi nel mondo del lavoro.

#magazziniricordati is also a big chance to innovate in the entertainment sector; a cinema with three specific different programmes (on demand, the film marathons -with kitchen- and for streaming events) is able to offer a very different cinema experience.

Un cinema con tre diverse tipologie di sale e programmazioni: on-demand il pubblico sceglie la programmazione, le sale per le maratone fornite di cucina e le sale streaming in spazi flessibili con proiezioni di eventi di vario genere.

CINE20124_3CINE20124_1

CINE20124_2

CINE20124 by Elisabetta Milani, Francesca Polizzi and Carla Procida

CreArt_2CreArt_1Artisanal shops specialized in products from the Lombardy tradition, especially addressed to turists.

Botteghe artigiane dove riscoprire i lavori di una volta e acquistare prodotti della tradizione lombarda.
CreArt by Elena Matteucci, Elena Mustakova, Maria Cristina Pasetti and Viola Pasquinelli

FIT_1 FIT_2 FIT_3         FIT_4

WallOfSoundWallOfSound_2Sport and music are key players with an automatic sport village and two different spaces organized to produce and promote music in many different ways.

 Anche lo sport e la musica sono presenti tra le tante attività all’interno dei magazini; una palestra automatizzata e due diversi spazi dedicati alla musica in tutte le sue varianti dedicata a chi suona, a chi ascolta e a chi è solo curioso.
(top) FIT IN TUNNEL by MASSIMO MELLONI, ALESSIA PARRULLI, STEFANO PEDRUZZI and GIUSEPPE PILATO
YOURMUSIC(left) Wall of Sound by SOFIA NAVA, MARTINA PANZA, ELHAM RASHIDI and LUUK ROOS
(left bottom) YOURMUSIC by Benedetta Pellegrini, Sharon Remartini and Hourieh Qodratnama

The last project is a mix in between a commercial space and a very special library in which you can find, touch and buy all interior’s special materials.

L’ultimo progetto è uno spazio ibrido tra uno showroom ad una libreria dove è possibili toccare e comprare tecnologici materiali per interni.
MATERIAL FABRIC by ILARIA MONTICAVALLI, VIRGINIA REINA, FRANCESCA RIPAMONTI, LINDA TELEZNIKOVA
Posted in MEMORYstore | Leave a comment